Con l'entrata in vigore lo scorso 18 giugno della legge 220 del 2012 di Riforma del Condominio, viene introdotta la possibilità per i condomìni di dotarsi di un proprio sito web su cui far transitare le informazioni relative alla loro gestione.


A proposito di questa novità occorre fare alcune precisazioni. Innanzitutto non si tratta di un fatto nuovo, perchè già in passato era possibile dotarsi di questo strumento per i condomini che lo volessero, ma tale opportunità non era normata dalla legge.
In secondo luogo, è bene precisare che non si tratta di un obbligo, come le pubblicità di molte società di web design farebbero credere.


Infatti l'art. 25 della riforma recita: Su richiesta dell'assemblea, che delibera con la maggioranza di cui al secondo comma dell'articolo 1136 del codice, l'amministratore è tenuto ad attivare un sito internet del condominio che consenta agli aventi diritto di consultare ed estrarre copia in formato digitale dei documenti previsti dalla delibera assembleare. Le spese per l'attivazione e la gestione del sito internet sono poste a carico dei condomini.

Quindi viene specificato in quale caso e con quale maggioranza l'amministratore è tenuto, su richiesta dei condomini, ad attivare questo sito Internet che pertanto non risulta obbligatorio, ma rimane comunque un utilissimo strumento. Infatti l'attivazione di un sito permette di gestire un condominio con maggiore trasparenza e, come spesso accade quando si utilizzano i mezzi informatici, di snellire molte procedure burocratiche.


Lo studio legale offre ai propri condomini la possibilità di accedere 24 h sul proprio sito internet (dedicato al condominio di appartenenza) per verificare l'intera documentazione di spesa nonché, tabelle millesimali, regolamento di condominio e relativa documentazione pertinenziale.

INDIRIZZO

Avvocato Gerardo Petrucci

V.Le Ungheria,1 - 80059 Torre del Greco (Napoli). Per avere indicazioni stradali clicca qui

TELEFONO

Tel. e Fax.  08119530518

Cell. 3209306871

EMAIL

 

IL CREDO DEL LIBERO PROFESSIONISTA 

**********
"Non voglio essere un uomo comune, ho diritto d'essere non comune, se posso.
Cerco l'occasione per farmi avanti, non cerco la sicurezza.
Non voglio essere un cittadino sussidiato, umiliato ed intorpidito: sognare e costruire;
sbagliare e riuscire.
Mi rifiuto di cedere l'incentivo di una sovvenzione.
Preferisco i cimenti della vita ad un'esistenza assicurata;
l'emozione del successo all'insipida calma dell'utopia.
Non voglio dare la mia libertà in cambio di una beneficenza, nè
la mia dignità in cambio di un sussidio.
Ho diritto di pensare ed agire a mio modo, di godere i benefici
di quello che creo, di affrontare arditamente il mondo e dire:
ho fatto questo."
Dean Alfange

Con questo spirito, do il meglio di me
per affrontare tutte le problematiche giuridiche e normative rendendo al meglio per i miei clienti .
Provare per credere!

 

ORARIO ESTIVO 

 

CLICCA QUI